Come e Quando

I cuscini di sale hanno due modalità di utilizzo principale: possono essere usati a caldo o a freddo. Oltre ad essere un pessimo conduttore di calore, quindi saper trattenere molto bene il caldo e il freddo, il sale rosa apporta anche tutti i benefici regolatori delle biofrequenze:

.

Utilizzo a caldo:

Scaldare il cuscino interno (senza federa) in forno o sopra un termosifone fino a portarlo a 60-70°C. Reinserirlo nella sua federa e appoggiarlo sulla parte dolorante; lasciarlo finché non si raffredda. La raccomandazione è di non metterlo nel forno a microonde perché il sale non si riscalderebbe.

E’ utilissimo in tutti quei casi in cui serve un impacco caldo secco, come raffreddore, mal di denti, mal d’orecchi, contrazioni muscolari, cervicali, contrazioni della schiena, dolori articolari, dolori mestruali, ematomi.

.

Utilizzo a freddo:


Inserire il cuscino nel sacchettino di plastica in dotazione e porlo per qualche tempo in freezer, fino a quando il sale non si sarà raffreddato a sufficienza. A quel punto togliere il cuscino dal sacchetto, reinserirlo nella sua federa e appoggiarlo sulla zona interessata. Si raccomanda di chiudere bene il sacchetto di plastica, per evitare che il sale assorba acqua e si trasformi in un blocco unico.

E’ molto utile in caso di gonfiori, distorsioni, infiammazioni, mal di testa, contusioni, tumefazioni, eccezionale contro slogature e botte.

.

Utilizzo a temperatura ambiente:

Oltre all’utilizzo a caldo e a freddo, è possibile appoggiare il cuscino su una qualsiasi parte del corpo e muovere leggermente con le mani il sale. In questo modo si produrrà un piacevole e rilassante massaggio con il picchiettio dei grani di sale. Questo è un ottimo rimedio soprattutto per i bambini che ogni tanto soffrono di mal di pancia o di piccoli dolori in varie zone del corpo: i colori del cuscino lo renderanno interessante e il massaggio del cuscino, magari leggermente riscaldato, aiuterà ad alleviare il dolore.


E’ sconsigliato invece in caso di affezione reumatica infiammatoria acuta e gotta in fase acuta.